Agriturismo Zaro


11 luglio 2010 – DI SASSO memorie di un terremoto by CultCorner.info
luglio 10, 2010, 2:48 pm
Filed under: Boris & Storiis, news | Tag: , , ,

DI SASSO

memorie di un terremoto

di Andrea Trangoni con Luca Zalateu

Il 6 maggio 1976 una scossa di terremoto di devastante potenza e lunga cinquantacinque secondi scuote l’intero Friuli.
Mille morti, decine di migliaia di senza tetto, decine di paesi distrutti, un’intera regione in ginocchio.

Qui, da allora, nulla fu più come prima.

Ecco da dove parte l’idea di questo spettacolo.
Parte dalla memoria orale di decine di scampati, ascoltati in un lungo lavoro di ricerca, parte dai diari dei soccorritori, parte dagli articoli dei giornali dell’epoca, ora allibiti,
ora retorici, ora incoraggianti, parte dai sassi delle case, tornati, in meno di un minuto, ad essere di nuovo soltanto sassi.

Una finzione scenica, una favola, che diventa storia vera.
Una storia vera, che diventa favola, finzione scenica.

Una storia che non parte quel 6 maggio, ma molti anni prima.
Quando quei sassi furono messi uno sopra l’altro, quando quei sassi facevano casa, quando le persone migravano per quei sassi.
Quando tutto nel mondo sembrava cambiare, eppure quei sassi lì ti sembravano sempre uguali. Poi, meno di un minuto.

Un solo attore in scena, affabulatore di fatti ed emozioni, senza scenografia, illuminato dal cono di luce di una lampadina.
Da solo con le parole, e con le immagini, con i sorrisi, con i suoni, con gli odori che le parole riescono ad evocare.
Da solo con le migliaia di persone che tremarono, con le migliaia che arrivarono da ogni dove, con le migliaia che ancora ricordano.
Da solo con lo straordinario che diventa quotidiano e il quotidiano che continua, come se niente fosse, così come deve essere.
Da solo con una vita che, sasso dopo sasso, ti cambia davanti agli occhi.
Qui, da allora, nulla fu più come prima.

Una favola teatrale, un racconto immaginario, un muoversi tra i sassi e le persone.
Il teatro non fa storia, il teatro racconta storie, di solito piccole storie.
Con passione, con ironia, con emozione.
Qui ne abbiamo voluta raccontare una, una di quelle di quando le persone avevano altri occhi.

La favola di un uomo e di un sasso. Uno per tutti.

Luca Zalateu – Operatore Teatrale

11-9


Lascia un commento so far
Lascia un commento



Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger cliccano Mi Piace per questo: